Qualunque credito, dopo un lasso di tempo variabile, si estingue e di conseguenza diventa inesigibile.

Oltre al credito si estinguono anche gli accessori del credito ovvero le somme maturate a titolo di interessi moratori.

Per effetto della prescrizione dei crediti non è possibile avviare nessuna procedura di recupero crediti.

Per evitare la prescrizione del credito è necessario che il creditore effettui un atto interruttivo delle prescrizione, a tale proposito è di fondamentale importanza avere una politica aziendale di attenta gestione dei crediti.

Sono atti idonei ad interrompere la prescrizione tutte le comunicazioni effettuate in forma scritta, con una data certa di ricezione da parte del debitore.

Per interrompere la prescrizione è necessario che il debitore invii una raccomandata o una PEC nella quale richieda espressamente il denaro e faccia espresso riferimento alla valenza interruttiva della prescrizione dell’atto.

L’interruzione della prescrizione è un effetto naturale dell’attivazione di una procedura di recupero giudiziale o di recupero stragiudiziale.

Pertanto la notifica di un atto di precetto oppure di un decreto ingiuntivo avrà sicuramente l’effetto di interrompere la prescrizione.

I tempi di prescrizione delle singole tipologie di crediti.

Normalmente la prescrizione di un credito è 10 anni, in particolare si prescrivono in 10 anni i crediti derivanti da sentenze e da decreti ingiuntivi.

Ci sono tuttavia dei tempi di prescrizione differenti a seconda del tipo di rapporto giuridico dal quale scaturisce il credito.

Per i contratti di trasporto e spedizione: il credito del vettore relativo al compenso ricevuto si prescrive in un anno.

Crediti relativi al risarcimento danni si prescrivono in cinque anni, salvo che si tratti di crediti derivanti da sinistro stradale, in questo caso la prescrizione è di due anni.

I crediti dei professionisti invece si prescrivono in tre anni.

La prescrizione per i crediti derivanti dal contratto di appalto invece è di cinque anni.

Per i crediti derivanti da locazione il periodo di prescrizione è di cinque anni. Si prescrivono tuttavia sempre in 10 anni i crediti derivanti da una procedura di sfratto per morosità a seguito dell’emissione di un decreto ingiuntivo.

Infine ci sono alcuni crediti che si prescrivono in un anno, per esempio i crediti dei farmacisti per i farmaci non pagati, i crediti dei prestatori di lavoro e degli ufficiali giudiziari.

E’ bene sottolineare che l’avvio di una procedura di recupero crediti giudiziale fa si che il credito si prescriva in dieci anni.

Potrebbe interessarti

Start typing and press Enter to search

×

Ciao!

Clicca sul nostro rappresentate di seguito per iniziare subito una chat o inviaci un'email all'indirizzo: info@recuperocreditifacile.com

× Whatsapp
Recupero crediti condominialiPignoramento presso terzi