Come non rivolgersi mai ad un recupero crediti

1. Prevenzione del rischio.

Prima di fornire merce a credito ad un nuovo cliente è opportuno prendere informazioni adeguate effettuando una visura camerale, una visura catastale e un’indagine sulla sussistenza di protesti. Inoltre, se il cliente è una società è importante conoscere l’ammontare del capitale sociale, il contenuto dei bilanci e i nominativi degli amministratori.

2. Limitare il rischio.

Stabilire in anticipo l’ammontare massimo di merce che si è disposti a fornire a credito, tenendo conto che superata la soglia di 4.500 – 5.000 €, le probabilità di recupero crediti divengono difficoltose e i costi salgono notevolmente.

3. Termini in cui attivarsi.

Trascorsi di 20-40 giorni dall’insoluto è consigliabile rivolgersi ad una società di recupero crediti per valutare, anche giudizialmente, il recupero crediti ovvero la svalutazione dello stesso con i relativi benefici fiscali.

4. Documentazione.

Per facilitare l’attività recupero crediti, è importare conservare i dati relativi a ciascun potenziale debitore come: le distinte dei pagamenti effettuati, elenco i suoi clienti e la targa dei veicoli che adopera.

5. Indagare sulle criticità.

Prima di fare credito ad un’azienda informarsi sui soci e sugli amministratori, verificando che questi non siano pregiudicati, non abbiano procedure di irreperibilità e soprattutto non abbiano protesti o fallimenti pregressi.

6. S.R.L? No grazie.

Prestare la massima attenzione a fare credito ad una s.r.l. in quanto, se la società dovesse chiudere i soci non risponderebbero per i debiti sociali. Diversamente, nelle le s.a.s. e le s.n.c.  i soci rispondono con tutti i loro beni presenti e futuri.

7. Verba volant… scripta manent.

Per ciascuna fornitura predisporre sempre un contratto (firmato e timbrato) con il dettaglio degli importi dovuti. Ad ogni consegna di merce far firmare e timbrare le bolle di trasporto che attestino la regolare consegna e il gradimento della merce. I contratti e le bolle di trasporto costituiscono prova scritta necessaria per richiedere un decreto ingiuntivo ed ottenere una tutela rapida del proprio credito.

8. Garantire il credito.

Bisogna cercare di far garantire il proprio credito da più soggetti possibile: soci, aziende controllanti ecc. E’ importante subordinare eventuali sconti o dilazioni alla condizione che altri soggetti garantiscano il debito.

Potrebbe interessarti

Start typing and press Enter to search

× Whatsapp
Pignoramento degli autoveicoliDecreto ingiuntivo recupero crediti